Come scegliere la bici da corsa per iniziare

Se sei un principiante e vuoi iniziare a pedalare con una buona bici da corsa, ecco qualche consiglio utile per scegliere bene

Come scegliere la bici da corsa

Aspetta… fammi indovinare: sei un ciclista alle prime armi, o meglio, forse non ti reputi ancora un ciclista esperto. D’accordo, forse hai cominciato a pedalare con qualche “cancello” (ai miei tempi si usava dire così quando prendevi in mano una bici da corsa che sembrava più pesante di un essere umano…). Insomma, hai fatto un po’ di esperienza, giustamente con un mezzo non proprio adatto a te, e adesso vorresti fare il salto di categoria.

Niene paura, è capitato anche a me quando 28 anni fa cominciai a far girare le gambe per la prima volta. Non era una bici da corsa, bensì una mtb: comprata a 100mila Lire all’Euromercato (ahimè sì, allora non c’erano gli Euro!). Un affarone! Peccato che dopo pochi mesi dall’acquisto le mie gambe, decisamente ancora poco allenate, non tennero il Passo del Bernina. E così tornai a casa sconsolato, ma con tanta voglia di rivincita. E una nuova passione: la bicicletta e il ciclismo.

piano dimagrimento

Cominciai da una nuova bici, una bici da corsa, appunto. E dal giorno in cui la portai a casa non smisi più di pedalare. Anch’io dunque mi chiesi a un certo punto come scegliere la bici da corsa. Se vuoi proseguire nella lettura, posso darti qualche consiglio…

Quale bici da corsa per iniziare

Acquistare la prima bici da corsa è un’emozione che nessuno può capire. Per alcuni è molto più emozionante dell’acquisto della prima auto. Ma quale bici da corsa per iniziare? Le biciclette aero ed endurance dai 5.000 € in su appartengono sicuramente ai tuoi sogni. Ma per iniziare a pedalare non serve spendere tutti quei soldi.

Con un budget tra i 900 e i 1200 € si può acquistare un’ottima bici da corsa in alluminio, con forcella in carbonio e un gruppo (cambio, comandi, guarnitura, freni, per intenderci) funzionale e affidabile.

=> Potrebbe interessarti l’ebook: La Guida del Ciclista Principiante

guida ciclista principiante

Se posso darti un consiglio, un buon usato a mio avviso è la scelta ottimale per iniziare a pedalare. In questo caso si possono trovare bici in alluminio tra i 400 e i 650 euro, oppure telai in carbonio con una componentistica di medio livello tra gli 800 e i 1200 euro.

Le tipologie di telai di una bici da corsa

La scelta di una bici da corsa deve privilegiare prima di tutto il tipo di telaio (geometria e materiale) e successivamente i componenti da montare.

Ci sono tre geometrie di telai da considerare quando si acquista la prima bici: tradizionale, semi-compatto e compatto.

Telaio tradizionale

I telai tradizionali sono caratterizzati da un tubo orizzontale che corre parallelo al suolo.

Telaio compatto

I telai compatti hanno un aspetto diverso rispetto ai telai tradizionali in quanto il tubo orizzontale si abbassa man mano si avvicina all’innesto con il tubo verticale. Il risultato è un reggisella più lungo.
Questi telai presentano quindi un triangolo più piccolo rispetto a quello tradizionale, con una maggior rigidità e reattività.

Telaio semi-compatto

La geometria semi-compatta è simile a una compatta, con la sola differenza che l’angolo inclinato del tubo superiore non è così grande.

Come scegliere la misura della bici da corsa per iniziare

La scelta della misura della bici da corsa è un passo fondamentale. Una bici da corsa economica che ti calza come un guanto è più performante di una super bike da 10mila Euro con misure errate. Prima di acquistare la tua prima bici da corsa è fondamentale conoscere le tue misure antropometriche per scegliere la misura della bicicletta più adatta a te.

Una volta scelto il telaio delle dimensioni giuste, è necessario che la sella e l’altezza del manubrio siano corretti. In prima battuta sarà utile farti predisporre queste regolazioni dal tuo negoziante, soprattutto per l’altezza del manubrio, operazione non così semplice da fare nel tuo box di casa.

Il migliore negoziante ti permetterà di mettere a punto le dimensioni del tuo telaio scegliendo correttamente le misure della distanza dal manubrio e dell’angolo del manubrio e creando una bicicletta che si adatta perfettamente a tutti i punti di contatto principali: sella, manubrio e pedali.

La considerazione più importante da fare quando decidi quale telaio utilizzare e di quale materiale è l’effettiva lunghezza del tubo orizzontale per i telai tradizionali o la distanza dal tubo sterzo al reggisella se il tubo orizzontale è inclinato.

Se la misura del tubo orizzontale che andrai a scegliere è molto lunga, avrai una posizione di guida più piatta e aerodinamica, simile a una posizione di gara, che potrebbe essere scomoda però su percorsi lunghi. Dato che sei alle prime armi, ti sconsiglio di scegliere questa posizione di guida.

Come scegliere il materiale del telaio

Per la scelta del materiale che comporrà il tuo telaio sarai di fronte a due possibilità che ritengo siano attualmente le migliori sul mercato: telaio in alluminio o telaio in carbonio.

La maggior parte dei telai in alluminio è in grado di restituire al ciclista una guida fluida. Sono generalmente meno costosi rispetto alla fibra di carbonio. La maggior parte delle bici da strada con telaio in alluminio è dotata di una forcella anteriore composita (in fibra di carbonio) per assorbire le vibrazioni della strada e migliorare la qualità della guida.

Un telaio in fibra di carbonio offre generalmente una guida più confortevole, che assorbe maggiormente le vibrazioni rispetto a un telaio in alluminio. Sono più costosi delle biciclette con telaio in alluminio a causa del loro processo di produzione.

Consiglio per l’acquisto: se stai cercando un telaio leggero e forte, allora un telaio in fibra di carbonio farà il caso tuo. Se tendi a correre per divertimento e fitness senza le aspirazioni di essere il più veloce, allora un telaio in alluminio sarà più che sufficiente.

Come scegliere i componenti di una bici da corsa

I principali componenti di una bici da corsa sono:

  • Trasmissione (guarnitura, cassetta posteriore, catena, deragliatori, leve freno, leve del cambio)
  • Ruote (cerchi, mozzi, raggi)
  • Freni, manubrio, sella e reggisella, pedali

Un approfondimento di questi temi puoi trovarli nel mio ebook: La Guida del Ciclista Principiante