Condividi l'articolo con gli amici...

Specialized Tarmac Expert: scheda tecnica

specialized tarmac

Quelli della Specialized dicono che “quest’anno forse non parteciperai ancora al Giro d’Italia, ma quando si tratta di lunghi allenamenti o gare, la Tarmac Expert può essere la tua migliore alleata”. Dobbiamo credergli…

Sì, perché nella progettazione di questa bici da corsa, la Specialized ha messo a frutto una serie di innovazioni tecnologiche in grado di ottenere un telaio rigido nei punti giusti e una netta riduzione delle vibrazioni, accorgimenti che ti aiuteranno effettivamente a una guida più confortevole e dunque di più lunga durata.

Allora non mi resta che spiegarti quali sono le tecnologie applicate alla nuova Specialized Tarmac Expert, perché credo che se sei un cicloamatore che ama i viaggi lunghi o le lunghe gare, rimarrai affascinato da quanto sto per farti scoprire.

Il telaio della Tarmac Expert

Ci credi se ti dico che i tecnici della Specialized sono riusciti a limare quasi 200 grammi a un telaio che nei modelli 2015 e 2016 era di poco superiore al kilogrammo? Ebbene sì, lo hanno fatto. Ora la nuova Tarmac Expert pesa solo 950 grammi. Ti starai chiedendo come hanno fatto? Tutto è passato attraverso un software dell’industria aerospaziale, attraverso il quale è stato riprogettato il telaio in fibra di carbonio FACT 10R e ottimizzato il profilo delle tubazioni. Risultato: -200 grammi! Niente male no?

Ma questa non è l’unica accortezza che ti darà soddisfazione nel guidare la tua nuova Tarmac Expert. Ti avevo accennato alla possibilità di fare uscite lunghe in pieno comfort? Ecco perché la nuova bici da corsa in casa Specialized ti permetterà tutto questo:

  • Tecnologia Rider-First Engineered – non è una novità per questo costruttore. In realtà è stata semplicemente ottimizzata ulteriormente per dare rigidità al telaio nei punti giusti. Conferisce la stessa reattività in salita e agilità in discesa per tutte le misure dei telai.
  • Geometria Perfomance Road – Grazie ai feedback dei professionisti, Specialized ha potuto raccogliere una serie di dati importantissimi per migliorare la geometria della Tarmac Expert. Il risultato è stato poter ottenere un avantreno reattivo con un interasse corto, per un miglior trasferimento di potenza sui pedali.

Assorbimento delle vibrazioni

Accorgimenti tecnici non solo nel telaio ma anche nei componenti. Per assorbire ulteriormente le vibrazioni e conferire al mezzo una guida più piacevole, Specialized ha conferito agli ultimi 120mm del reggisella un maggior grado di flessibilità.

Inoltre con questo nuovo modello sarà possibile montare le Turbo Cotton 28mm su ruote Roval SLX 24, in quanto è stata aumentata la compatibilità con pneumatici fino a 30mm. Grazie a questo accorgimento con la nuova Tarmac riuscirai ad avvertire meno le imperfezioni della strada.

Comoda sì, ma anche veloce

Dicevamo che l’obiettivo dei tecnici nel concepire la nuova versione della Tarmac era quello di migliorare il comfort di guida nelle lunghe distanze. Ma mentre raggiungevano il loro obiettivo si sono chiesti: è possibile creare una bici confortevole e anche veloce?

Sì perché va bene farti tornare dopo aver percorso di almeno 150km senza i soliti dolori e con una sensazione di guida ottimale sotto il profilo del comfort, ma se quei chilometri devi farli in una granfondo, come la mettiamo con l’aerodinamicità e la velocità?

Ecco che allora i tecnici Specialized hanno lavorato su tre elementi:

  • forcella con un nuovo profilo
  • foderi verticali ribassati e con profilo aerodinamico
  • piantone e reggisella con profilo a D

In particolare, il nuovo profilo della forcella S-Works in fibra di carbonio FACT è in grado di conferire grande rigidità all’avantreno per una migliore precisione di guida sia negli scatti e nelle accelerazioni, sia nelle discese particolarmente impegnative e veloci.